Contatto gentile - Bioenergetica Milano di Cristiana Zanette
15439
page-template-default,page,page-id-15439,page-child,parent-pageid-22,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_1000,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Cos’è –

 

Silja Wendelstadt e Margherita Tosi, due donne protagoniste in Italia del contatto gentile

Se l’energia nel corpo fluisce, bisogna permettere a questo processo di svolgersi senza spingere né forzare.

 

Il tocco, gentile, amorevole, sulla pelle del bambino, può previene la formazione di quella rigida “corazza” a lungo studiata dal medico e psicoterapeuta Wilhelm Reich. Nel tocco il “dare” e il “ricevere” si fondono armoniosamente. “Il contatto diventa un dialogo energetico tra chi tocca e chi viene toccato, e i benefici arrivano a entrambi”, ha scritto Silja Wendelstadt. Perché il tocco lieve è così efficace? “Risponde al principio del ‘minimo stimolo’”, spiega Margherita Tosi. Il “minimo stimolo” attiva un processo interno in cui l’organismo regola l’intensità delle proprie risposte in modo “ecologicamente sostenibile” da tutto il sistema. Ed è in linea con una delle leggi fondamentali della fisiologia, scoperta verso la metà dell’Ottocento da Ernst Heinrich Weber (1795-1878), in seguito elaborata sotto forma di modello teorico da Gustav Theodor Fechner (1801-1887).

Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
e io avrò cura di te.
- Franco Battiato – La Cura