Corsi di Esercizi di Bioenergetica

 

< Torna alle news

Illustrazione di Beppe Giacobbe

 

Prova una classe di esercizi di Bioenergetica. Clicca per vedere di più e prenotati ora

 

Nell’approccio bioenergetico il corpo esplora se stesso. “Io sono il mio corpo”, affermava Alexander Lowen, medico e psicanalista americano padre della Bioenergetica. Per conoscere noi stessi dobbiamo “sentire” il nostro corpo. Interamente: dalla testa ai piedi. La perdita di sensibilità in una parte del corpo è la perdita di una parte del Sé. La Bioenergetica è una teoria di derivazione psicoanalitica che pone al centro l’identità funzionale tra corpo e mente.
Le tensioni somatiche sono il riflesso di inibizioni psicologiche. Il corpo si struttura in un certo modo durante il processo evolutivo del bambino a seconda del tipo di risposta - appagante o frustrante - ricevuta dall’ambiente.

 

Open days 12 e 13 settembre

              prenotati ora

Grazie agli esercizi bioenergetici, e al lavoro sul nostro corpo, possiamo imparare a lasciar andare, a mollare – passo dopo passo – liberandoci da pesi e catene che limitano il nostro agire e muoverci come protagonisti della nostra vita. Gli esercizi aiutano a sciogliere le tensioni a livello muscolare, a entrare in contatto e a scaricare l’energia in eccesso, a liberare il respiro. Il livello di benessere di ogni essere vivente è collegato alla qualità del respiro. Il respiro è la vita. Attraverso l’aria che entra ed esce dai nostri polmoni alimentiamo i processi metabolici, che a loro volta forniscono l’energia/la vitalità di cui abbiamo bisogno, permettendoci di sentirci vitali, di provare piacere, emozionarci, amare. Quando siamo rilassati e sereni respiriamo in modo fluido, naturale: ci sentiamo bene. Mentre, quando siamo un po’ tesi, o abbiamo paura, respiriamo con fatica; a volte siamo quasi in apnea, ma non ce ne accorgiamo, assorbiti dalla nostra paura.

 

Praticando gli esercizi di Bioenergetica torniamo a “sentire” il nostro corpo. E a provare il piacere di avere un corpo (da curare, amare). “Sentire” il corpo significa ascoltare tutte le sensazioni gradevoli che esso trasmette; ma “sentire” il corpo significa anche ascoltare le tensioni muscolari, diventare consapevoli che quelle contratture ci sono. E a volte sono lì da anni. Sono il risultato delle emozioni rimaste bloccate a livello somatico, perché in un passato lontano non ci è stato consentito di esprimerle liberamente. Gli esercizi di Bioenergetica permettono anche di “stare” per qualche minuto con quel piccolo dolore fisico, prodotto dalle tensioni muscolari – magari nelle gambe o sotto la pianta dei piedi - proprio per poterle poi lasciar andare.

 

Fare esperienza del lavoro bioenergetico è un modo per non trattenere ancora i blocchi nel corpo, ma – poco per volta - liberarsi da quei pesi per essere consapevoli di ogni nostra scelta e desiderio ed essere liberi di navigare nel mondo, amare, costruire la nostra vita. Stare nel piacere. Possiamo navigare liberamente nel mondo quando siamo in contatto con la realtà, con tutto quello che incontriamo (di buono o meno) nella vita. Tutto. Cioè quando rimaniamo presenti a ciò che vediamo intorno e abbiamo i piedi per terra, al di là di illusioni e fantasie. Proprio uno dei concetti chiave del lavoro bioenergetico è il Grounding, il radicamento a terra. Non a caso di una persona ben radicata si dice che “ha i piedi per terra”: questa persona sente la connessione tra i suoi piedi e il terreno sul quale appoggiano. Essere più radicati significa imparare a stare meglio “sulle proprie gambe", fidarsi delle proprie capacità e della propria forza, percepire in modo più lucido la realtà.

 

Mentre muovo il mio corpo, e sento così piacevolmente il mio respiro, rendo manifeste alcune “parti” di me. Sperimento che “esprimere” può essere molto liberatorio, posso farlo muovendo il corpo e posso comunicare parte del mio essere con la voce; magari mi permetto di dire dei “no” che non ho mai pronunciato prima. Posso anche urlare dei “no” senza temere di ferire qualcuno, perché tutti gli esercizi di Bioenergetica si svolgono in un ambiente protetto. Intanto altre persone, insieme a me, fanno gli stessi esercizi ed esplorano il proprio corpo, le proprie tensioni muscolari, manifestano la propria vitalità. I corsi di esercizi di Bioenergetica (in genere si parla di “classi” di esercizi di Bioenergetica) si fanno in gruppi (8 – 20 persone) e hanno una durata che può andare dai 60 ai 90 minuti. Gli incontri normalmente sono a cadenza settimanale, e sono sempre svolti in uno spazio dove si può liberamente usare la voce e anche godere del silenzio.

 

Gli esercizi di Bioenergetica non sono ginnastica, e non sono gruppi psico-terapeutici, anche se hanno un effetto terapeutico inteso come “cura di sé”, nel senso che procurano un aumento di consapevolezza e benessere. Dopo una classe l’effetto benefico, in genere, viene percepito subito:
si sente un senso di piacevole benessere a tutti i livelli, visibile anche attraverso la luminosità degli occhi e l’espressione del viso, più aperta e rilassata.

 

Cristiana Zanette

Psicologa, counselor, formatrice

 

Prova una classe di esercizi di Bioenergetica. Clicca per vedere di più